Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la il link More
Cliccando su un link o close, acconsenti all’uso dei cookie.

CIRCOLARE 477 OGGETTO: Avvio Anno Scolastico 2020/2021

 Roma, 27 agosto 2020

CIRCOLARE 477

Care Famiglie
Care Studentesse e cari Studenti
L’avvio del nuovo anno scolastico è ormai alle porte e mai, come quest’anno, è accompagnato da trepidazione e incertezze determinate dal contesto sanitario che già ha duramente colpito la scuola quando ci ha costretto a chiudere i cancelli.
Con la presente, intendo fornire alcune informazioni utili a far comprendere l’organizzazione del nostro istituto che sarà presentata in dettaglio con prossime comunicazioni.
Le “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia” elaborate dal Ministero della Salute e dell’Istruzione, in collaborazione con altri enti, ci dicono che “La riapertura della scuola attualmente prevista nel mese di settembre 2020 pone dal punto di vista epidemiologico un possibile aumento del rischio della circolazione del virus nella comunità”.
Questo documento dà indicazioni alla scuola per gestire l’eventuale presenza di casi sospetti o focolai.
I documenti del Comitato Tecnico Scientifico hanno elencato una serie di azioni di prevenzione che la scuola deve mettere in atto al fine di prevenire la diffusione del virus.
La nostra comunità scolastica è chiamata ad adottare tutte le necessarie misure di prevenzione affinché il rischio , che mai si azzera, sia il più basso possibile.
La scuola non genera il virus, ma questo può entrare portato dalle persone.
L’igiene, il divieto di assembramento e il distanziamento, costituiscono, ad oggi, gli strumenti per limitare la diffusione del virus.
Pochi, ma fondamentali, i comportamenti che abbiamo imparato ad assumere nella nostra vita quotidiana:
1. Igienizzare spesso le mani con acqua e sapone o usando un apposito prodotto disinfettante a base alcolica.
2. Mantenere una distanza di sicurezza.
3. Indossare una mascherina quando non è possibile rispettare il distanziamento fisico.
4. Non toccarsi gli occhi, il naso o la bocca.
5. Restare a casa se abbiamo un malore
6. In caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, contattare l'assistenza sanitaria.
La scuola riaprirà il 14 settembre ed è noto a tutti che è un luogo a rischio per la presenza di tante persone. Nulla è fatale, possiamo abbassare il rischio con le nostre scelte, le mie organizzative, di tutti comportamentali.
Il nostro Istituto è una grande comunità. Ogni giorno gli studenti entrano in 83 aule (58 in via Parasacchi e 25 in via Pietrasecca). Sono presenti più di 200 membri del personale scolastico.
Ecco perché stiamo riflettendo, da mesi, sulle modalità di un rientro in classe che tuteli al meglio la salute, ipotizzando diversi piani organizzativi, flessibili, perché capaci di adattamento alle diverse e nuove indicazioni ministeriali e scientifiche e fortemente ancorati alla tipologia dei nostri edifici scolastici, al numero di studenti per classe, alle risorse umani e materiali a disposizione.
Dopo l’organizzazione della Didattica a Distanza durante il lockdown, gli Esami di Stato sono stati il primo banco di prova di “scuola in presenza”. Otto commissioni di esame hanno potuto svolgere il loro lavoro e gli studenti di 16 classi quinte hanno sostenuto il colloquio in sicurezza, garantiti da una organizzazione puntuale degli spazi e da una costante e profonda igienizzazione degli ambienti. Tutto è andato bene e questo ci conforta nell’idea che, se l’organizzazione è puntuale e ciascuno applica le indicazioni in modo responsabile e senza deroghe, possiamo riprendere l’attività scolastica con meno paure e disagi.
Ad oggi, il CTS (Comitato Tecnico Scientifico) individua le misure precauzionali cardini, che costituiscono i presupposti di ogni scelta organizzativa della scuola, nelle seguenti:
1. distanziamento fisico (distanza minima di un metro fra gli alunni, tra le rime buccali)
2. utilizzo della mascherina in tutte le situazioni statiche che non possono garantire il distanziamento di un metro e nelle situazioni dinamiche (studente in movimento)
3. rigorosa igiene delle mani
4. pulizia degli ambienti
5. areazione dei locali
L’avvio dell’anno scolastico non sarà il consueto. E’ in via di definizione un piano organizzativo allo scopo di tutelare la salute, il diritto all’istruzione e, aggiungo, la qualità dell’Offerta Formativa.
A tal fine sto implementando sia gli strumenti digitali a disposizione dei docenti sia la connettività, supportandola con adeguata formazione.
Vi chiedo di
1. Leggere con attenzione il nuovo Patto di Corresponsabilità aggiornato e inviatovi con circ. n. 472 del 27 luglio u.s. Sollecito chi non lo abbia già fatto (è necessario cliccare sul tasto adesione, e , monitorate le risposte, rilevo che ancora in molti non hanno preso visione del Patto aggiornato).
Nel Patto, tra l’altro, la famiglia si impegna a fornire allo studente gli strumenti per la Didattica Digitale ed è consapevole che ogni studente sarà dotato di credenziali istituzionali (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) per l’accesso alla piattaforma GSUITE, adottato dall’istituto per le attività didattiche digitali
2. Provvedere ad una costante visione delle comunicazioni del Dirigente trasmesse tramite la bacheca del Registro Elettronico e il sito www.liceo-amaldi.edu.it . Ciò vi consentirà di assumere i conseguenti impegni e informare e formare i vostri figli perché assumano con senso di responsabilità i comportamenti e gli impegni richiesti.
È importante una stretta collaborazione tra tutti i membri della comunità scolastica, non solo per evitare conseguenze gravi sul piano della salute, ma perché è desiderio di ciascuno, pur nelle restrizioni del momento, che il processo di insegnamento/apprendimento non si interrompa e continui a perseguire quella qualità che ci contraddistingue.
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof.ssa Maria Rosaria Autiero*
*documento informatico
firmato digitalmente ai sensi
dell'art. 24 D.Lgs. 82/2005 e ss.mm.ii.
 
 

AVVISO

Si ricorda che restano in vigore le misure organizzative per la prevenzione e il contenimento del Covid-19, già adottate dal dirigente scolastico, fino a nuove disposizioni.

L'accesso all'edificio scolastico è consentito solamente previo appuntamento

Non sono previste deroghe

Contatti

MAIL rmis069006@istruzione.it

Tel 06 99180487